Archivi tag: ma che fatica questa vita

Libertà

Oggi libertà è:

per la prima volta, dopo 10 anni che vivo in questa città, aver preso la macchina ed essere andata a cena dall’altra parte del mondo da sola.

E lo so che la verità è che dovrei vergognarmi di aver aspettato tanto e che per praticamente tutti sarebbe normale una performance del genere. Ma per me non è così, a me sta città mi mette proprio ansia (e i romani, scusate se ve lo dico, guidano come dei pazzi!) e quindi, dopo questa meravigliosa prodezza, io mi sento LI-BE-RA!!!

Annunci

L’estate che non c’è

Cosa sarà mai successo nel piccolo mondo di piccolaVale? Un sacco di cose tra cui:

Le vacanze/lavoro sulla solita isola adorata. Una settimana meravigliosa di lavoro e immersioni e una, meno meravigliosa, di più lavoro e meno immersioni e qualche incomprensione, e un po’ di fatica.

Al ritorno la doccia fredda di cui già parlavo nel post precedente. Una recidiva (la quarta) che lascia ben poche speranze per un bambino che seguo da tempo. Ok, diciamolo come si deve, nessuna speranza. Nessuna. Ci ho messo un po’ di giorni per venire a patti con questa cosa e ora la metto qua, nella miscellanea delle notizie, perché non ce la faccio proprio a parlarne sul serio che se mi fermo a pensarci ancora mi si ingarbuglia lo stomaco in maniera irreversibile.

DivingLine inizia la stagione autunnale con un ottimo risultato. Questa settimana il primo giorno di overbooking della nostra storia ci farà lavorare tantissimo ma ci renderà anche contentissimi e ci darà la carica per affrontare un paio di mesi belli pieni di lavoro e fatica

Sono stata a vedere il relitto più affascinante del mondo. O almeno quello più affascinante che abbia visto fin’ora e che sta in Italia, ad Arenzano: l’Haven. E’ stato un fine settimana bellissimo e rilassante e le immersioni sono state così belle da farmi girare la testa (più probabilmente era l’effetto dell’azoto, ma così fa più romantico)

Sono stata al matrimonio di un’amica che non vedevo da tempo: bellissima lei, bellissima la serata, bellissimo il matrimonio che parlava di lei, di loro, in ogni suo più piccolo particolare. Dettagli a cui io non avrei mai mai pensato che si fondevano in un’armonia davvero sorprendente.

Al ritorno dal matrimonio mi sono fermata a mettere il diesel alla macchina che mia madre mi aveva prestato per andare alla cerimonia. Che brava figlia, starete pensando voi…peccato che la macchina di mia madre sia a benzina e che io me ne sia accorta solo dopo aver fatto rifornimento. Ho vissuto attimi di vero panico pensando al motore distrutto e a me che dovevo ricomprare la macchina alla mia mamma (e spiegare ad Ale l’accaduto). Ho scoperto, per fortuna, che il diesel in una macchina a benzina non è letale e che ho solo buttato al vento 10 euro. E grazie al mio braccino corto che non mi ha fatto pensare di fare il pieno!

Ho passato, per la prima volta da molto tempo, un fine settimana senza Ale. Io al matrimonio e lui impegnato nell’ennesimo fine settimana di immersioni. E si, va bene, alle coppie fa bene stare separate ogni tanto, ci si riappropria dei propri spazi e bla bla bla. Però preferisco quando stiamo insieme.

Sono andata a cena fuori con mio fratello dopo tanto tempo che non succedeva. E me la sono goduta minuto per minuto.

Ecco, tutto questo di bello e di brutto è successo nella mia vita nell’estate che non c’è.

Apparizioni e Sparizioni

…ma più che altro sparizioni, visto che mi sono distratta un attimo e mi ritrovo che non scrivo da quasi due mesi. Il fatto è che si tratta di un periodo…come dire…affannosamente meraviglioso.

Meraviglioso perchè la nostra scuola subacquea sta prendendo piede, facciamo corsi di continuo, usciamo tutti i fine settimana con allievi e subacquei “appena nati”, siamo stati due giorni in barca a vela divertendoci tantissimo e abbiamo mille  attività nuove, vecchie, divertenti che ci impegnano e ci fanno tanto sorridere.

Affannosamente perchè tutto questo comporta non avere tempo per nient’altro. Non torno a casa dai miei da un mese e mezzo, non stiro, non cucino, non faccio la spesa, a malapena mi ritaglio il tempo per andare in ufficio (visto che è comunque la mia principale fonte di reddito :-)) e non riesco ad andare a correre più di una volta a settimana, due solo in casi rari. Non parliamo neanche di dormire, perchè non c’è tempo per perdere tempo. Sembriamo due trottoline impazzite: prepara l’attrezzatura, parti, torna, lava l’attrezzatura, riponi l’attrezzatura, riprepara l’attrezzatura…neanche mi ricordo come è fatta la mia casa senza mute, pinne, maschere e quant’altro sparsi in giro per ogni dove. Se mia madre venisse a casa mia in questo momento si strapperebbe i capelli per la disperazione…

Non mi sto lamentando eh! Sono super contenta dell’evoluzione del nostro progetto, abbiamo anche qualche nuova e buona (almeno spero) idea per migliorare ancora. A proposito…che ne dite di un corso subacqueo? Ovviamente per i lettori del blog c’è lo sconto 😀 !!!