Casa dolce casa

Fine settimana casalingo. Succede così raramente dalle mie parti che, quando capita, sembra davvero una festa. Pranzetti succulenti, riappropriarsi dei propri spazi, godersi la casa, piccolina ma tanto amata, e tanto tempo per il relax, i libri, la tv, un pò di allenamento e tanto amore.

Quindi la settimana inizia che una marcia in più? Eh no! Perchè ora me ne voglio già tornare a casa, alla serena felicità di ieri

Annunci

Addii

La vita è fatta di gioie

La vita è fatta di dolori

La vita è fatta di addii. E allora, se è davvero questo che vuoi, addio. Noi ne soffriremo ma poi alzeremo la testa e andremo avanti sempre, come sempre, insieme. Perchè è questo che noi siamo. Uniti. Per sempre.

Dodicesimo

Oggi è il mio dodicesimo re-birthday. Sono quasi adolescente nella mia seconda vita. E oggi, forse per la prima volta, me ne sono ricordata solo ora. Impossibile che passasse del tutto sotto silenzio, sono troppe le cose, ovunque, che mi fanno pensare al passato. Anche fare un giro sul mio blog mi porta inevitabilmente a tornare col pensiero a questo giorno del 2004.

Il ricordo è sempre presente ma ormai è lieve, mi lascia un senso di tenerezza come alla vista di un bambino ormai cresciuto. Buon ri-compleanno a me!

Uno, due, tre…

Traffico intenso stamattina, come sempre, sulla strada per l’ufficio. Nella nostra direzione una fila interminabile di macchine ferme, in senso opposto un traffico più scorrevole ma pur sempre intenso. E noi? in motorino, in mezzo a queste due onde in movimento (o quasi). Di là non passa nessuno e allora, via, superiamo una decina di macchine. Poi arriva un camion e rientriamo nella nostra corsia. Subito dopo di nuovo strada libera sul senso di marcia opposto e approfittiamo per fare un altro pezzetto in più.

E niente. Tutte le mattine mi sembra di essere tornata bambina e di giocare a un, due, tre STELLA!!!

Tristezza infinita

Il 6 Aprile 2009 io ero a casa mia, a Roma, e dormivo beatamente quando una telefonata di mia zia mi ha svegliata di soprassalto e mi ha informata che a L’Aquila c’era stato il terremoto ma che “stavano tutti bene”. Non lo sapevo ma quella telefonata mi informava anche che le nostre vite, soprattutto quelle dei miei cari ma in parte anche la mia, erano da quel momento definitivamente cambiate, che la nostra città (amatissima) non sarebbe più esistita così come la conoscevamo, che tante persone che ne facevano parte improvvisamente non c’erano più.

Pochi giorni fa è stato di nuovo il telefono a svegliarmi in piena notte per farmi sapere che, pochi chilometri più in là, la storia si stava ripetendo. A casa tutto bene, solo un pò di paura e tante tante persone che hanno dormito in strada (o piuttosto vegliato in strada) nella paura che tutto ricominciasse di nuovo. Ma poi sono arrivate le notizie, sempre peggiori da Amatrice e dagli altri paesi coinvolti. Ancora macerie, ancora morte, distruzione, disperazione e paura. Ancora tanti eroi in carne ed ossa che sono accorsi per portare salvezza e speranza.

Sono due giorni che piango davanti al pc, davanti al telegiornale, davanti a tutti gli aggiornamenti forniti dai media. Vedo immagini che sono le stesse identiche di 7 anni fa. Persone diverse ma stesse storie, stessa disperazione, stesso tutto. Solo pochi giorni fa pensavamo a come sarebbe stato bello andare in gita ad Amatrice, eletta borgo più bello d’Italia, e ora non c’è più nulla.

Sono piena di tristezza e mi sento davvero impotente davanti a tutto questo. Non trovo neanche le parole giuste per descrivere quello che provo…La vita è meravigliosa ma anche, a volte, terribile. E oggi ce l’ha ricordato.

Pane mon amour

Mi rendo conto che dopo 6 mesi di silenzio potrei scrivere qualcosa di incisivo però…ieri ho fatto il pan bauletto, quello morbidoso, e mi è venuto ME-RA-VI-GLIO-SO

E lo so che non frega niente a nessuno – non importa neanche a chi in questi giorni lo mangerà, figuriamoci – però io sono proprio orgogliosa e soddisfatta e se non avessi ormai una certa età, me ne andrei a fare la tirocinante da un panettiere/pasticcere…sai quante soddisfazioni!!!

Date

25 novembre 2004

Avevo pensato ad un’uscita in grande stile; vestitino aderente, tacchi alti, tutto perfettamente in tinta. Percorro  il corridoio con i miei stivali che ticchettano ad ogni passo e con il rumore più sordo delle ruote della mia valigetta che mi segue. Ma è sera e quindi l’effetto scenico si è andato a far benedire…il reparto è deserto! Nonostante la cattiva riuscita dell’uscita in pompa magna, sono emozionata come una bambina. Ascensore fino al piano terra, un po’ di corridoi che non ho mai imparato a seguire da sola, passiamo per il pronto soccorso e…sono fuori! Libera! Libera! Libera! La serata  è fredda e umida, forse ha piovuto, o forse no, non ricordo. Però tutto mi sembra bellissimo. Andiamo a casa, la casa da studentessa universitaria di mia cugina che è diventata la base della mia famiglia qui sul campo di battaglia. Trovo qui la mia nonnina, la cuginetta universitaria e Ale. Io e la mami siamo arrivate in tempo per la cena (che non ricordo minimamente) e così passiamo tranquilli la prima serata di libertà. Vado in bagno e guardo il cerotto che copre il buchino lasciato dal CVC. Oggi, come ultima attività ospedaliera, mi è stato tolto e guardare quel cerotto, che per altro sparirà presto, mi fa sentire serena e leggera. Tutta la serata è un susseguirsi di emozioni e stupore. Posso fare pipì seduta. Posso mangiare al tavolo con tutti gli altri. Nessuno ha una mascherina che gli copre la faccia. Nessuno viene per controllare la flebo o per lasciarmi delle medicine anzi, la flebo non c’è proprio! E incredibile!!!

Solo domani scoprirò che oggi è stato anche l’ultimo giorno della piccola Sandra ma oggi, per oggi, tutto quello che sento è LIBERTA’!

25 novembre 2015

Incredibilmente sono passati 11 anni. Undici anni dalla mia rinascita.          Undici anni dalla morte di Sandra.

Ciao piccola Sandra, oggi guarderò la tua stellina che brilla nel cielo.