Il cancellino dei sogni

Quando ero bambina (si lo so, l’ho presa alla lontana) ho passato un periodo in cui la notte era davvero un momento critico per me. Volevo assolutamente dormire con una lucina accesa e poi mettevo la testa sotto il cuscino e coprivo il tutto con le coperte…un caldo incredibile, ma avevo paura di quello che si nascondeva nelle ombre create dalla mai lucina (spegnerla no eh?!). Se poi il programma tv prescelto per la serata era anche lontanamente pauroso, allora erano guai seri (soprattutto per mia madre che finiva regolarmente a dormire con me – povera!). Una di queste infauste serate, mio fratello, vedendomi molto turbata mi disse che i miei pensieri erano come una lavagna e potevano quindi essere cancellati dai pensieri positivi, bastava volerlo. “E il cancellino –  mi ha detto quel giorno – sta nelle scarpe nuove che hai comprato oggi”. Che tenero il mio fratellone! E che intelligente anche. Già da così piccolo aveva capito il potere terapeutico che un paio di scarpe ha su di me. In effetti io me le ricordo perfettamente quelle scarpe…modello baby, dorate e completamente ricoperte di brillantini colorati…le adoravo!

Anche adesso, comunque, le sue parole di bambino mi restano impresse e così, quando la notte i pensieri non vogliono abbandonarmi e lasciarmi scivolare nel sonno, io penso sempre a quella lavagna e visualizzo il mio cancellino con cui elimino tutti i pensieri spiacevoli. Oppure, in una versione più moderna, penso ad un foglio bianco sul quale concentrarmi per non pensare ad altro.

Che poi…ma a scuola ci sono ancora i cancellini? Mi sa di no…

Annunci

4 risposte a “Il cancellino dei sogni

  1. Certo che quello di tuo fratello era stato davvero un ottimo consiglio, di quelli che poi uno riesce veramente a interiorizzare e serve sempre!

    Pensa che io da piccola guardavo sempre la serie 7 storie per non dormire, meno male che poi riuscivo a dormire lo stesso! 🙂

    • Se io avessi guardato “7 storie per non dormire” probabilmente non avrei dormito per 7 notti. Pensa che mio fratello, che è sempre stato un vero fratello maggiore, se capitava qualche programma “ad alto tasso di ansia” mi avvertiva di non guardarlo! 🙂

  2. Che saggio il tuo fratellone! … i pensieri sono come una lavagna e possono quindi essere cancellati dai pensieri positivi… me lo devo ricordare 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...